Home L'Avvocato risponde DONAZIONI IN VITA ED EREDITA’
Ago 12
Mercoledì

Benvenuti sul nuovo sito
INFORMATORE.COM
Il sito del mercato dell'antiquariato e dell'arte europeo
I calendari di oltre 1300 case d'asta, oltre 300 organizzatori, 1100 mercati internazionali
tutti i mercati specializzati e molto altro

Replicant2
prev next
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)French (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)Español(Spanish Formal International)
Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

DONAZIONI IN VITA ED EREDITA’
Sabato 22 Dicembre 2018 18:52

Quesito:

Buongiorno,

ho il problema che mio fratello è sempre preferito rispetto a me, infatti lui ha sempre ricevuto somme di denaro e regali importanti dai nostri genitori: quando un giorno (speriamo lontano) erediteremo, tutto quello che gli è stato donato prima potrà essere considerato nella spartizione oppure no?

(Lettera non firmata)

Risposta:

Gentile lettore,

la risposta è affermativa, infatti ex art. 737 c.c. i figli, i loro discendenti ed il coniuge che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per donazione direttamente o indirettamente, salvo che il defunto non li abbia da ciò dispensati (c.d. collazione).

In questo modo si aumenta il patrimonio ereditario per una più equa ripartizione degli averi tra gli aventi diritto, al fine di evitare disparità di trattamento.

Resto a disposizione per un’eventuale consulenza personalizzata e porgo cordialissimi saluti.

Avv. Veronica Gnudi

 

L'Informatore on Tour

 

 

 

Dove siamo

NEWMAN

Via Monte Albano, 38
40135 Bologna ITALY
tel. +39 051 6145127
fax +39 051 0934695

P.I. 03492311208

Home L'Avvocato risponde DONAZIONI IN VITA ED EREDITA’

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra politica sulla privacy.

I accept cookies from this site.